1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Bce: con tassi alti crescono i rischi nel sistema finanziario

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Indebitamento elevato, valutazioni ottimistiche di molte attività economiche e sistemi d’investimento spesso insostenibili rappresentano degli elementi di rischio per la stabilità finanziaria dell’Unione Monetaria. A sostenerlo è la Banca Centrale Europea che ha rimarcato come “il sistema finanziario abbia dimostrato forza e resistenza” negli ultimi mesi, e “in generale la situazione relativa alla stabilità finanziaria della zona euro rimane favorevole, ma non vi sono ragioni di compiacersi”. Il rapporto semestrale pubblicato ieri dalla Bce sottolinea soprattutto l’elemento rischi. “Occorre vigilare su alcuni fattori di rischio: come il crescente deficit corrente degli Usa, che potrebbe diventare “insostenibile e vulnerabile al rischio geopolitico”, e i livelli di indebitamento sempre maggiore di famiglie e imprese”. “Perché è vero che, finora – continua la Bce nel suo rapporto Financial Stability Review – i sistemi finanziari sia di Eurolandia che globali hanno retto il colpo di fronte ad eventi come la volatilità che ha scosso i mercati fra maggio e giugno 2006 o il crac dell’hedge fund Amaranth Advisors a settembre. I rischi che potrebbero davvero mettere alla prova la capacità di Eurolandia di assorbire materialmente gli shock non si sono verificati, e ciò, anche se rassicurante, non deve lasciare spazio ad alcun autocompiacimento”. Infatti le turbolenze più recenti sui mercati si sono verificate “in un ambiente in cui la liquidità dei mercati è rimasta piuttosto abbondante”. Mentre ora, con “una politica monetaria meno accomodante, la situazione per i mercati finanziari potrebbe rivelarsi più difficile”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACROECONOMIA

Italia: commercio estero extra Ue migliora a maggio, esportazioni +2,2%

A maggio, rispetto al mese precedente, i flussi commerciali dell’Italia verso i Paesi extra Ue sono in espansione, con un aumento più marcato per le importazioni (+4,3%) che per le esportazioni (+2,2%). Su base annua le esportazioni sono in forte aum…

Germania: Ifo oltre le attese a giugno

Nel mese di giugno l’indice tedesco IFO, elaborato su un campione di 7 mila operatori economici della Germania, si è attestato a 115,1 punti. Il dato precedente era stato pari a 114,6 punti e gli analisti avevano stimato 114,4.

MACROECONOMIA

Market mover: l’agenda macro della giornata

Il market mover di oggi è rappresentato dall’indice Ifo che misura la fiducia delle imprese in Germania. L’agenda macro prevede inoltre il dato sugli ordini di beni durevoli negli Stati Uniti. Nel dettaglio:
10:00 alto GER IFO aspettative
10:00 al…