Bce e Boe lasciano invariati i tassi di interesse. Alle 14.30 l’intervento di Mario Draghi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Invariati allo 0,75% i tassi di interesse fissati dalla Banca Centrale Europea. Anche la Bank of England ha confermato il costo del denaro allo 0,5% e il piano di Quantitative Easing a 375 miliardi di sterline. Un nulla di fatto ampiamente atteso dagli analisti.
 
L’attesa è ora per l’intervento delle 14.30 del presidente dell’Eurotower Mario Draghi,

durante il quale potrebbero giungere nuovi commenti sulla situazione economica europea dopo quelli di ieri. Draghi ha infatti affermato che la crisi del debito è arrivata a farsi sentire anche in Germania. Le sue parole sono state confermate dalla produzione industriale tedesca di settembre che ha registrato un calo mensile forte e peggiore delle attese (-1,8% m/m).
 
Oggi Draghi festeggerà anche il suo primo anno di mandato all’Eurotower. Un primo anno intenso, in cui Draghi ha apportato importanti novità, con l’inversione di politica monetaria dopo il prematuro rialzo dei tassi nel 2011, l’immissione di nuova liquidità alle banche e l’annunciato programma di acquisti illimitati di titoli di Stato.
 
Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Stati Uniti: crescita economica ai minimi da tre anni nel Q1

Nel primo trimestre la crescita statunitense si è attestata allo 0,7%, in calo rispetto al 2,1% degli ultimi tre mesi del 2016. Si tratta del dato minore degli ultimi tre anni. Gli analisti avevano stimato un +1,3%.

MACRO

Istat: industria, a marzo prezzi alla produzione a +3,1% a/a

L’Istat comunica che a marzo l’indice dei prezzi alla produzione dell’industria rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta del 3,1% nei confronti di marzo 2016. I prezzi alla produzione dell’industria, sul mercato interno, diminuiscono de…

Inflazione: Istat, ad aprile accelerazione a +1,8% annuo

Ad aprile, stando alla stima preliminare diffusa dall’Istat, l’inflazione in Italia aumenta dello 0,3% su base mensile e dell’1,8% annuo. La variazione tendenziale evidenzia un’accelerazione rispetto al +1,4% di marzo, derivante soprattutto dalla cr…