1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Bce: ancora polemiche sulle manovre anti-crisi, Weidmann (Buba) considera dimissioni

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le polemiche all’interno della Banca centrale europea sulla gestione della crisi dell’Eurozona non si placano, anzi. Jens Weidmann, il numero uno della Bundesbank (la banca centrale della Germania), sta considerando le sue dimissioni per la sua opposizione ai piani di acquisto di bond da parte della Bce. Lo scrive, citando fonti finanziarie, il quotidiano tedesco Bild in un articolo ripreso anche nell’edizione online. Per frenare la decisione sarebbe intervenuto il governo di Berlino.

Weidmann critica fortemente il programma di acquisto di obbligazioni da parte della Bce, teso a mantenere più stabili i tassi di finanziamento dei Paesi in difficoltà. Il presidente della Bundesbank considera questa manovra pericolosa perchè diventerebbe “una droga” che potrebbe rendere gli Stati dipendenti.  

Era solo un anno fa quando, a settembre 2011, un altro tedesco, Jurgen Stark, il capo economista della Banca centrale europea, aveva rassegnato le dimissioni. Una decisione che ai tempi è stata riconducibile ai contrasti relativi il piano di acquisto dei bond governativi da parte della Bce.