1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Bca Intesa, cedute 9 mln sofferenze a Merrill Lynch e Fortress

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Banca Intesa ha rispettato i pronostici. Il cda della banca ha approvato la cessione a Fortress e Merrill Lynch di un portafoglio di sofferenze lorde pari a 9.067 milioni di euro e dell’81% del ramo di azienda di Intesa Gestione Crediti inerente la gestione delle sofferenze. “La cessione delle sofferenze pro soluto riguarda oltre il 70% delle sofferenze totali del
gruppo Intesa: un portafoglio, al 31 dicembre 2004, di 5.968 milioni di euro detenuto da IGC, uno di 2.368 milioni detenuto da Banca Intesa SpA, uno di 543 milioni detenuto da Intesa Mediocredito e uno di 188 milioni detenuto da Cariparma”, specifica la nota. L’operazione frutterà a Intesa 2.045 milioni di euro in contanti, importo che permetterà di realizzare una plusvalenza di 36 milioni rispetto al valore netto di libro a fine 2004 risultante dalla applicazione dei nuovi criteri contabili. Il rapporto tra sofferenze e crediti, al netto delle rettifiche di valore, scende allo
0,6% al 31 dicembre 2004 riesposto post cessione, dall’1,9% alla stessa data riesposto post prima applicazione dei principi Ias e dal 2,7% del bilancio 2004 ante Ias. “La cessione dell’81% della macchina operativa di IGC porterà il Gruppo Intesa a incassare 49 milioni di euro in contanti, sulla base di una valutazione del 100% pari a 60 milioni, e a realizzare una plusvalenza di 49 milioni di euro”, conclude il comunicato. La cessione permette alla banca di migliorare la qualità dell’attivo, di ridurre il
rischio, eliminando l’eventuale impatto di sempre possibili perdite future sui crediti oggetto di cessione, e di liberare risorse finanziarie e manageriali da dedicare al core business. Il coefficiente patrimoniale Tier 1 ratio migliora di circa 10 centesimi di punto rispetto al 31 dicembre 2004 riesposto post IAS/IFRS.