Bca Antonveneta-Pop di Lodi, un matrimonio sotto l'albero

Inviato da Redazione il Mer, 15/12/2004 - 09:23
Matrimonio sotto l'albero per Banca Antonveneta. Secondo indiscrezioni di stampa a questo starebbero lavorando i vari mediatori che cercano un accordo con il placet del governatore di Bankitalia. Le opzioni note sono due e tra loro in antitesi: da un lato il via libera di un'offerta della Popolare di Lodi dall'altro un nuovo patto con l'ingresso di nuovi soci a coprire probabili defezioni. Se Antonveneta deciderà di percorrere la strada della fusione si potrebbe trovare di fronte a un altro bivio. Il matrimonio con la Lodi potrebbe, infatti, non avvenire, come ventilato recemente, attraverso una fusione secca tra Reti Bancarie bensì con l'ingresso consistente della banca guidata da Giampiero Fiorani nel capitale Antonveneta e solo successivamente un'integrazione tra le due banche. Questa possibilità avrebbe una sua logica: darebbe tempo e spazio ad Abn di sistemare la sua joint venture con Antonveneta e soprattutto il suo pacco di azioni e obbligazioni convertibili, spiegano le indiscrezioni. Ma sul mercato non si esclude una prova di forza degli olandesi che sarebbero pronti ad andare fino in fondo. Appuntamento previsto per discutere dell'affaire entro la settimana per i 15 membri di Deltaerre che possiede il 10,34% di Antonveneta. La data precisa dipende dal socio olandese che dovrà sottoporre alla fiduciaria la nuova bozza del patto di sindacato. E come moderatore entrerebbe in scena Ennio Doris, che in passato ha avuto rapporti stretti con la Lodi. La speculazione insomma è servita.
COMMENTA LA NOTIZIA