Bbva-Bnl, per Morgan Stanley strategicamente positiva

Inviato da Redazione il Mar, 22/03/2005 - 10:42
L'accoppiata Bbva-Bnl è strategicamente positiva. Parola di Morgan Stanley. Il broker in una nota uscita oggi e raccolta da Spystocks sostiene che se Bbbva riuscisse a mettere le mani su Bnl, entrerebbe in uno dei mercati retail più profittevoli in Europa. "Considerando che il Bbva è una delle banche più solide nel panorama europeo in termini di copertura di NPL, ha uno dei più bassi ratio cost/ income e dei più alti RoE, siamo dell'idea che sia molto difficile credere che il Bbva correndo per Bnl possa porsi come una minaccia per la stabilità del sistema bancario italiano. Al contrario, riteniamo che potrebbe rafforzarlo e renderlo più competitivo, accelerando il ritardato consolidamento del suo mercato domestico decisamente frammentato", si legge nel report. "Se player domestici, come Unicredit, SPI, Mps o anche un mix di player più piccoli come la Lodi decidessero per una contro Opa su Bnl, Bbva avrà una strategia di uscita che sarà più che un premio. Tuttavia, non ci è chiaro economicamente che tipo di controfferte potrebbero fare i player domestici", chiosa l'analista che ha redatto il report. "In termini di effetto diluitivo per gli azionisti di Bbva l'offerta 100% in carta equivale a un'offerta in cash di più di 3 euro per azione Bnl. Qualsiasi controfferta dovrebbe pagare circa due volte il valore di book, sarebbe costoso e non facilmente giustificabile per gli azionisti", avverte il broker. "Dal momento che Bbva ha uno dei bilanci più forti in Europa, con un eccesso di accantonamenti in Spagna e in America Latina, il gruppo potrebbe, se richiesto, convertire la sua offerta sulle azioni Bnl in un mix cash o eventualmente in un'offerta completamente in denaro", sottolineano ancora a Morgan Stanley. Dunque: "non è chiaro quindi chi possa avere interesse a rilanciare a simili prezzi. Forse è vero che tutte le strade portano a Roma".
COMMENTA LA NOTIZIA