Barometro Crif: -4,7% per i prestiti, -3,6% per i mutui nel 2013

Inviato da Daniela La Cava il Mer, 15/01/2014 - 13:11
Quando si parla di prestiti e mutui gli italiani mantengono un atteggiamento prudente. Una cautela che si è vista anche nel corso del 2013 quando la domanda di credito da parte delle famiglie italiane ha continuato a risentire del quadro congiunturale ancora fragile, con il persistere di segnali negativi sul fronte dell'occupazione. Di conseguenza il credito retail si è ancora caratterizzato per una forte prudenza che influenza sia la domanda dalle famiglie, che temono di non riuscire a far fronte regolarmente ai debiti contratti, sia l'offerta, che deve far fronte al progressivo aumento dei livelli di rischiosità. Tendenze che emergono dall'ultima edizione del Barometro Crif che analizza l'andamento delle domande di mutui e prestiti contribuite dagli istituti di credito in Eurisc. Per quanto riguarda i mutui, il mese di dicembre appena concluso ha fatto registrare una crescita del numero di richieste pari al 6,5% rispetto allo stesso mese del 2012. Si tratta del sesto mese consecutivo che si chiude in positivo, anche se in termini aggregati nell'arco dei 12 mesi il numero di richieste di mutui rimane ancora inferiore (-3,6%) rispetto all'anno passato e sostanzialmente dimezzato rispetto agli anni precedenti. Riguardo i prestiti (nell'aggregato di prestiti personali e prestiti finalizzati), invece, l'ultimo mese dell'anno ha fatto registrare una contrazione dell'11,8% rispetto allo stesso mese dell' anno precedente, dato che porta la flessione complessiva dell'intero 2013 ad assestarsi ad un -4,7% rispetto al 2012.
COMMENTA LA NOTIZIA