1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Mondo ›› 

Barclays vara maxi-aumento di capitale da 5,8 mld di sterline, titolo cade a Londra

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Ricapitalizzazione da 5,8 miliardi di sterline per Barclays. Ricorso al mercato resosi necessario per andare incontro alle richieste della Prudential Regulation Authority britannica di raggiungere il target di leveraged ratio al 3% entro il giugno 2014. Una nuova iniezione di capitale che era attesa dal mercato ma risulta di entità superiore al previsto. Non si è fatta attendere quindi la reazione sulla City con il titolo arrivato a cedere 6 punti percentuali.

Aumento a sconto del 40%
La seconda banca britannica ha annunciato che offrirà nuovi titoli nel rapporto di un’azione nuova ogni quattro possedute. Il prezzo delle nuove azioni sarà di 185 pence, il 40% inferiore al prezzo di chiusura di ieri. I complessivi 5,8 miliardi di sterline dell’aumento di capitale saranno destinati a rafforzare le riserve di capitale al fine di soddisfare i requisiti patrimoniali imposti dalle autorità bancarie entro metà 2014.
“Dopo un attento esame delle opzioni, il consiglio ha deciso che Barclays deve rispondere con rapidità e decisione”, ha dichiarato il chief executive officer della banca, Antony Jenkins.

Barclays ha posticipato al 2016 il target di RoE superiore al costo del capitale, obiettivo inizialmente previsto per il 2015.

Profitti sotto le attese per la divisione investment banking
Barclays oggi ha reso noti anche i risultati del primo semestre, chiuso con Roe sceso al 7,8% rispetto al 10,6% dello stesso periodo dell’anno scorso. L’utile netto è sceso del 17% nei primi sei mesi dell’anno a 3,59 mld di sterline complice i costi di ristrutturazione a livello di gruppo avviata lo scorso anno a seguito dello scandalo Libor. Gli utili della divisione investment banking sono saliti a 2,39 mld di sterline dai 2,24 mld precedenti, lievemente sotto le stime di consensus che erano 2,48 mld. I ricavi da fixed income, commodities e valute sono invece scesi del 13% a 3,57 mld.