Bankitalia volta pagina, Saccomanni nuovo dg

Inviato da Laura Vezzoli il Ven, 28/07/2006 - 08:19
Palazzo Koch ha un nuovo statuto e un nuovo direttore generale. Nella giornata dei cambiamenti per la Banca d'Italia, il consiglio superiore ha approvato la proposta di nuove regole avanzata dal governatore Mario Draghi, che va oltre le modifiche imposte dalla legge sul risparmio. L'innovazione più clamorosa è l'allargamento del Direttorio da quattro a cinque membri con la previsione di un terzo vicedirettore generale. Il consiglio ha inoltre accolto le dimissioni dell'attuale direttore generale Vincenzo Desario e ha nominato al suo posto, con entrata in carica al 2 ottobre prossimo, Fabrizio Saccomanni, ex numero due della banca londinese Bers. Altra novità riguarda la scadenza del mandato: sei anni, rinnovabili una volta, per il governatore e per i componenti del Direttorio, cioè il direttore generale e i tre vicedirettori. Sul futuro assetto proprietario della Banca d'Italia, il nuovo statuto resta vago e, in attesa che il ministro dell'Economia Padoa-Schioppa decida come procedere per riorganizzare e pubblicizzare la platea degli azionisti, prevede che a decidere sulla questione sia "la legge".
COMMENTA LA NOTIZIA