Bankitalia, Consob, Ivass e Covip in campo per limitare impatto rating su decisioni d'investimento

Inviato da Daniela La Cava il Mer, 24/07/2013 - 17:24
Banca d'Italia, Consob, Ivass e Covip puntano a contenere il "potere delle agenzie di rating". In una nota congiunta le differenti autorità di controllo hanno emanato - per i profili di rispettiva competenza - comunicazioni sul corretto funzionamento del sistema di gestione dei rischi, di doveri di correttezza e trasparenza dei fondi comuni d'investimento e dei fondi pensione e di obblighi di adeguatezza delle procedure di valutazione degli investimenti delle imprese di assicurazione, allo scopo di ridurre l'eccessivo affidamento (over-reliance) sui giudizi espressi dalle agenzie di rating. Nel dettaglio le comunicazioni "richiamano l'attenzione sugli obblighi da parte dei gestori collettivi e dei fondi pensione, di valutare correttamente il merito di credito delle attività di investimento e di operare con diligenza, correttezza, trasparenza nell'interesse degli investitori, degli iscritti ai fondi pensione e dell'integrità dei mercati e, da parte delle imprese di assicurazione, di realizzare una gestione finanziaria indipendente, sana e prudente e di adottare misure idonee a salvaguardare i diritti dei contraenti e degli assicurati". I destinatari delle comunicazioni, si legge nella nota, dovranno adottare adeguati processi interni di valutazione del merito di credito, che consentano loro di non affidarsi in modo esclusivo o meccanico ai giudizi emessi dalle agenzie di rating. Con riferimento ai gestori collettivi e ai fondi pensione, tali doveri andranno inquadrati nei limiti del mandato gestori o delle ulteriori clausole che riguardano i rapporti con la clientela.
COMMENTA LA NOTIZIA