Banco Popolare: il 2011 si chiude con un rosso di 2,3 mld, pesano rettifiche per 3,1 mld

Inviato da Luca Fiore il Mar, 20/03/2012 - 19:06
Quotazione: BANCO POPOLARE
Il Banco Popolare ha annunciato di aver chiuso l'esercizio 2011 con una perdita netta di 2.257 milioni determinata dalla rilevazione contabile di rettifiche di valore sugli avviamenti iscritti in occasione del perfezionamento dell'operazione di aggregazione del Banco Popolare di Verona e Novara con la Banca Popolare Italiana il 1° luglio 2007. Le rettifiche ammontano a 3.112 milioni. "L'impairment test condotto nel grave contesto di crisi descritto ha conseguentemente evidenziato la necessità di rettificare di oltre il 60% il valore dei suddetti avviamenti, valore che era stato obbligatorio determinare e rilevare in diretta contropartita della riserva sovrapprezzo di emissione a fronte della citata operazione di aggregazione aziendale".

Pre-impairment il risultato è positivo per 574 milioni, dai 308 milioni del 2010 (+86,4%) ed il margine di interesse si è confermato in quota 1.810 milioni (-0,3%). Per quanto riguarda i coefficienti patrimoniali, il core tier 1 ratio raggiunge il 7,1% (circa +140 basis point rispetto a inizio anno e circa +60 basis point rispetto al 30 settembre 2011) ed è pari al 7,3% post riacquisto passività subordinate.
COMMENTA LA NOTIZIA