Banco Espirito Santo rassicura: eventuali perdite sono coperte, esposto per 1,18 mld

Inviato da Valeria Panigada il Ven, 11/07/2014 - 13:34
Banco Espirito Santo tenta di rassicurare il mercato, precisando che le eventuali perdite derivanti dalla sua esposizione al gruppo che la controlla, Espirito Santo International, sono completamente coperte da riserve di capitale. La banca portoghese, su cui si sono accesi i fari del mercato sulla notizia che la sua controllante è in ritardo nel pagamento di alcuni bond, ha dichiarato di avere un cuscinetto di 2,1 miliardi di euro al di sopra del rapporto minimo Common Equity Tier I (8%) previsto dalle normative europee. L'istituto però non è in grado al momento di valutare le potenziali perdite fino a quando non verrà presentato il piano di ristrutturazione della capogruppo. La banca portoghese è esposta per 1,18 miliardi di euro alle varie società che fanno parte della holding Espirito Santo International.

Nella complessa rete di comando del Banco Espirito Santo figurano anche alcuni nomi esterni. A cominciare dalla francese Crédit Agricole, che detiene il 14,6% della Banca Espirito Santo. Altro azionista importante della banca portoghese è Portugal Telecom, che detiene il 2,1%, e Bradesco, il maggior banco privato del Brasile, con una partecipazione del 3,9%.

Intanto il titolo ha ripreso le contrattazioni sulla Borsa di Lisbona e in questo momento cede circa 2 punti percentuali scambiando a 0,50 euro. Ieri la banca portoghese ha lasciato sul parterre oltre 17 punti percentuali, pesando sul listino (la Borsa di Lisbona ha perso oltre il 4%) e sull'intero comparto bancario europeo.
COMMENTA LA NOTIZIA