1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Banco BPM brilla nel giorno del debutto, Brembo torna nel Ftse Mib

QUOTAZIONI Banco Bpm
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Debutto in rally per Banco BPM, la nuova realtà nata dalla fusione tra il Banco Popolare e la Popolare di Milano. Nata ufficialmente ieri, a seguito dell’iscrizione dell’atto di fusione presso i competenti Registri delle Imprese di Verona e di Milano, la nuova entità fa il suo esordio in Borsa ricevendo un’accoglienza decisamente positiva.

Sul listino milanese il titolo del terzo gruppo bancario italiano segna un incremento del 4,45% e si porta a 2,394 euro.

L’istituto di credito rappresenta il primo esempio d’integrazione tra banche popolari. Nella sua prima riunione il Cda, sotto la Presidenza di Carlo Fratta Pasini, ha nominato Guido Castellotti e Maurizio Comoli alla carica di Vice Presidenti e Giuseppe Castagna a quella di Amministratore delegato. Maurizio Faroni è il Direttore Generale.

Il nuovo gruppo nasce con un capitale di 7,1 miliardi di euro suddiviso in circa 1,5 miliardi di azioni ordinarie, il rapporto di concambio è stato fissato a un’azione Banco BPM per ogni azione del Banco Popolare e a 6,386 azioni BPM (liquidazione in contanti delle eventuali frazioni).

A seguito della fusione tra i due istituti, Brembo rientra nel Ftse Mib. Grazie a un rialzo di due punti percentuali il titolo si porta a 58,65 euro, nei pressi del massimo storico toccato a 58,70 euro in chiusura di 2016. Negli ultimi 12 mesi l’azione della società di Curno ha segnato un incremento di oltre 30 punti percentuali.