Banche italiane, stress test: non solo Mps, poca crescita e un sistema con il 18% di crediti bancari problematici

Inviato da Alessandro Piu il Lun, 27/10/2014 - 10:01
Il sistema bancario italiano non ha superato con i pieni voti l'Asset quality review della Banca centrale europea. "Venticinque istituti di credito europei hanno fallito il test, nove sono italiani" sottolinea Michael Hewson, chief market analyst di CMC Markets Uk. Due in particolare si ritrovano con la situazione più difficile da affrontare, Banca Carige e il Monte dei Paschi: "Ancora una volta la più antica banca italiana si trova a dover raccogliere nuovo capitale". Il conto della Bce è di due miliardi di euro. L'istituto senese solo a giugno ha operato un aumento di capitale da 5 miliardi di euro. "Viene da domandarsi quanto denaro ancora dovrà essere gettato in questo pozzo senza fondo". Tuttavia il problema per l'Italia non è solo Mps: "Con un economia che continua a contrarsi e sostanzialmente senza crescita da quattordici anni a questa parte e il 18% dei crediti bancari problematici, è difficile immaginare uno scenario nel quale l'intero sistema bancario del Paese non continui ad avere difficoltà in mancanza di nuove significative iniezioni di capitale e di riforme economiche".
COMMENTA LA NOTIZIA