Banche in rosso a Piazza Affari, per Nomura la sfida resta il rafforzamento patrimoniale -1-

Inviato da Alberto Bolis il Mer, 15/12/2010 - 11:03
Pioggia di vendite sul comparto bancario che trascina al ribasso il paniere principale di Piazza Affari. L'indice Ftse Mib, infatti, lascia sul parterre l'1,26% a 20.447 punti. Peggio del mercato i titoli degli istituti di credito: Monte dei Paschi cede il 2,95% a 0,87 euro, Unicredit il 2,94% a 1,65 euro, Popolare di Milano il 2,65% a 2,75 euro, Ubi Banca il 2,19% a 6,91 euro, Intesa SanPaolo il 2,38% a 2,157 euro, Mediobanca l'1,51% a 6,85 euro, Banco Popolare l'1,28% a 3,46 euro. Oggi il settore è finito sotto la lente di Nomura, in un report dal titolo: "Più costruttivi sull'Italia, meno sulle banche italiane e il loro capitale".

In un contesto di divisione strategica tra Nord e Sud Europa, il broker nipponico preferisce le banche "nordiche" rispetto a quelle periferiche, ma "restiamo abbastanza costruttivi sull'Italia, che può vantare una serie di virtù come il sottile deficit primario e il basso indebitamento privato". Nel frattempo, però, le banche italiane "potrebbero continuare a convivere con un contesto sfavorevole (tassi ai minimi e un incremento dei costi di finanziamento) e ad affrontare la sfida del rafforzamento patrimoniale".
COMMENTA LA NOTIZIA