1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Banche: con bail-in a rischio 217 miliardi di bond bancari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
L’entrata in vigore in Italia il prossimo 1 gennaio del bail in, la direttiva europea sulla risoluzione delle crisi bancarie, rappresenterà una minaccia soprattutto per i detentori di obbligazioni emesse dagli istituti di credito. Ad essere coinvolte, secondo i calcoli di Unimpresa, sono 217 miliardi di euro di emissioni obbligazionarie, livello comunque sceso decisamente nell’ultimo anno (-25,11% dai 289,6 miliardi di 12 mesi fa). Secondo l’analisi dell’associazione, basata su dati della Banca d’Italia, si tratta di un mercato già in forte contrazione: le obbligazioni degli istituti valevano 381,9 miliardi alla fine del 2012 e 352,4 miliardi alla fine del 2013. In quasi tre anni si è registrata una diminuzione delle emissioni per 165,04 miliardi (-43,21%).
 
Come funziona il bail in 
Il nuovo impianto sui salvataggi delle banche prevede in ultima istanza l’attivazione del bail in, vale a dire il contributo “interno” al ripianamento delle perdite di titolari di azioni, obbligazioni e conti correnti con saldo superiore a 100.000 euro. La novità più insidiosa è proprio quella relativa alle eventuali perdite per i possessori di bond; gli azionisti comprano capitale a rischio per definizione, mentre per quanto riguarda i depositanti, il loro contributo è previsto solo in ipotesi più estreme. 

Al riparo i covered bond
I bond verrebbero chiamati a dare un contributo, in particolare con la conversione in azioni. Non tutte le categorie di titoli obbligazionari, secondo le nuove norme, verrebbero sottoposti alla procedure di risoluzione: alcuni tipi, tra cui le cosiddette covered, sono equiparate ai depositi fino a 100mila euro e quindi godono di una protezione maggiore. Tuttavia, queste emissioni, nel loro complesso, potrebbero subire un contraccolpo. 
Negli ultimi anni, rimarca Unimpresa, le operazioni di rifinanziamento a lungo termine da parte della Banca centrale europea hanno ridotto, in quanto meno necessario, il ricorso alle emissioni obbligazionarie da parte delle banche. In futuro, però, gli istituti potrebbero aver bisogno di mezzi diversi di approvvigionamento rispetto a quelli offerti in questi mesi dalla Bce. Tuttavia, il nuovo assetto regolatorio sulle risoluzioni delle crisi creditizie potrebbe disincentivare l’acquisto di questi strumenti da parte della clientela bancaria, facendo venir meno un importante strumento di raccolta. Tutto ciò con conseguenze pericolose sul versante dei finanziamenti.
“Arriviamo impreparati a questo appuntamento – commenta il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi – con le nuove regole europee e corriamo il rischio, come sistema Paese, di pagare un conto salato: le risoluzioni delle crisi bancarie, che possono essere definiti fallimenti pilotati, hanno un impatto sulla fiducia dei clienti che, in prospettiva, può azzoppare la raccolta di liquidità da parte delle banche con effetti a cascata sui prestiti. Per quanto riguarda i casi delle banche salvate dal governo e dalla Banca d’Italia, è opportuno sottolineare come in futuro non deve migliorare solo il livello di informazione ed educazione finanziaria, ma anche l’etica e i comportamenti di chi maneggia il denaro degli altri”.