Banche centrali pronte a scendere in campo

Inviato da Riccardo Designori il Mar, 04/12/2012 - 10:55
Con la crescita che continua a mostrare segnali di debolezza in tutto il mondo e i governi con le mani legate saranno ancora una volta le Banche centrali a intervenire sui mercati. Questa notte è stata la Reserve Bank of Australia che ha tagliato i tassi di 25 punti base, portandoli al 3% (minimo dal 1960). Oggi pomeriggio ci sarà la decisione della Bank of Canada, dove non sono attesi tagli dai livelli attuali (1%).

Gli eventi più attesi ci saranno giovedì, con la BoE e la Bce chiamate a decidere sui tassi di interesse. La prima dovrebbe mantenere i tassi stabili allo 0,5% e aumentare il piano di acquisto asset di altri 25 miliardi di sterline.

Più incisive potrebbero essere le misure per l'istituto di Francoforte. Il pessimo quadro macro e il rallentamento dell'inflazione negli ultimi mesi aprono a un taglio dei tassi di interesse al nuovo minimo storico dello 0,5% (-25 pb) che potrebbe avvenire già giovedì prossimo e al massimo entro febbraio. Draghi potrebbe poi portare i tassi sui depositi in negativo dallo 0% attuale e questo per cercare di mettere in circolazione i fondi overnight che puntualmente rimangono parcheggiati presso la Bce. Difficile pensare a ulteriori misure di liquidità diretta visti gli scarsi successi arrivati dalle Ltro.

La prossima settimana sarà la Fed a scendere in campo visti i timori sul fiscal cliff. Scadrà l'operazione twist, rinnovata già a giugno scorso. Non ci aspettiamo un rinnovo di questa misura, piuttosto la Fed deciderà di iniettare una parte di liquidità aggiuntiva al 3QE stabilito a settembre che prevede per ora 40 miliardi di dollari mensili.

Le borse questa mattina hanno virato in positivo dopo un'apertura incerta. Il mood potrebbe sgonfiarsi nel pomeriggio vista la mancanza di dati macro in Usa. L'euro/dollaro mantiene una certa tonicità dopo aver colpito la resistenza a 1,3082. Gli obiettivi successivi si collocano a 1,3140 e 1,3175 top di settembre.

VINCENZO LONGO
MARKET STRATEGIST


TAG:
COMMENTA LA NOTIZIA