1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Banche: Abi, sofferenze record. Su la raccolta, giù i prestiti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

A fine 2011 prosegue la crescita, anche se in rallentamento, della raccolta bancaria a dispetto dei prestiti che subiscono ancora un calo. In aumento le sofferenze, che segnano un nuovo record, mentre scende il tasso sui mutui concessi alle famiglie. E’ questo lo scenario dipinto dall’Abi (Associazione Bancaria Italiana) nel suo Monthly Outlook “Economia e Mercati Finanziari-Creditizio” di gennaio.

Sofferenze
A fine novembre 2012 le sofferenze lorde sono risultate pari a 121,8 miliardi di euro, 2 miliardi in più rispetto ad ottobre e +17,5 miliardi rispetto a novembre 2011, segnando un incremento annuo di circa il 16,8%. In rapporto agli impieghi, le sofferenze risultano pari al 6,1% a novembre 2012 (5,3% un anno prima). Con riguardo alle sofferenze al netto delle svalutazioni, a fine novembre 2012 esse sono risultate pari a quasi 62,2 miliardi di euro, circa 2,3 miliardi in più rispetto al mese precedente e quasi +11,6 miliardi rispetto a novembre 2011 (+22,9% l’incremento annuo). Il rapporto sofferenze nette/impieghi totali si è collocato al 3,23% (3,12% ad ottobre 2012 e 2,62% a novembre 2011).

Raccolta e prestiti
La fine del 2012 ha mostrato un assestamento della dinamica della raccolta denominata in euro da clientela del totale delle banche italiane, rappresentata dai depositi a clientela residente e dalle obbligazioni. La variazione annua è risultata positiva per l’1,2% rispetto al +1,5% di fine novembre 2012.

Parallelamente prosegue la flessione dei prestiti bancari, anche se in attenuazione. Sulla base di prime stime, il totale prestiti a residenti in Italia si colloca a 1.923,4 miliardi di euro, segnando una variazione annua del -1,3% (-1,6% il mese precedente). Lievemente negativa è risultata anche la variazione annua dei prestiti a residenti in Italia al settore privato (-2% a fine 2012 dal -2,4% del mese precedente). Alla fine del 2012 risultano pari a 1.657,6 miliardi di euro.

Tasso sui mutui
Il tasso sui prestiti in euro concessi dalle banche alle famiglie per l’acquisto di abitazioni è risultato a dicembre pari al 3,70% dal 3,83% mese precedente. Sempre a dicembre, il tasso medio ponderato sul totale dei prestiti a famiglie e società non finanziarie elaborato dall’Abi è risultato pari al 3,78%, un punto base al di sotto del mese precedente e 45 basis points al di sotto del valore di dicembre 2011.