Banche: Abi, sofferenze record. Le lorde a fine 2013 salgono a 156 miliardi

Inviato da Flavia Scarano il Mar, 18/02/2014 - 16:19
Nuovo record per le sofferenze bancarie. "A seguito del perdurare della crisi e dei suoi effetti, la rischiosità dei prestiti in Italia è ulteriormente cresciuta", scrive il Rapporto mensile dell'Abi secondo cui le sofferenze nette sono risultate a fine 2013 pari a 80,4 miliardi e le lorde a 155,9 miliardi. Il rapporto sofferenze nette su impieghi totali è del 4,33% a dicembre (4,08% a novembre 2013; 3,36% a fine 2012; 0,86%, prima dell'inizio della crisi).

Il rapporto sofferenze lorde su impieghi è dell'8,1% a fine 2013 (6,3% un anno prima; 2,8% a fine 2007), valore che raggiunge il 14% per i piccoli operatori economici (11,8% a dicembre 2012; 7,1% a fine 2007), il 13,3% per le imprese (9,7% un anno prima: 3,6% a fine 2007) ed il 6,5% per le famiglie consumatrici (5,6% a fine 2012; 2,9% a fine 2007). Il totale degli affidati in sofferenza ha raggiunto complessivamente il numero di 1.205.000, di cui oltre un milione (1.015.369) con un importo unitario in sofferenza inferiore a 125.000 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA