1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Bancari volatili in Europa. Oggi Moody’s ha declassato SocGen e Credit Agricole

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Seduta incerta per i bancari in Europa. Dopo un avvio in profondo rosso, i titoli dei maggiori isituti di credito del Vecchio continente hanno recuperato terreno, con lo stoxx Europe 600 Banks che cede solo lo 0,3%. Un cambiamento di umore per il comparto delle banche, secondo gli esperti, avvenuto rapidamente perché la decisione non è arrivata a sorpresa, ma era già stata anticipata nei giorni scorsi.

Pur riprendendosi nel corso della seduta, il settore bancario si è svegliato con il piede sbagliato. Questa mattina, prima dell’apertura dei mercati, è arrivato l’annuncio della bocciatura da parte di Moody’s di due tra le maggiori banche francesi, Crédit Agricole e Société Générale. L’agenzia di rating statunitense ha ridotto il rating sull’istituto bancario guidato da Frédéric Oudéa, portandolo a ‘Aa3’ da ‘Aa2’. Downgrade anche per Crédit Agricole che ha visto il giudizio scendere di un notch a ‘Aa2’ dal precedente ‘Aa1’, in scia alla “consistente esposizione alla Grecia”. L’outlook è negativo per entrambe le società transalpine. Sorvegliata speciale rimane l’altra big bancaria francese, Bnp Paribas. Moody’s ha annunciato che conferma la revisione per un possibile downgrade dei rating a lungo termine (il rating è fermo a ‘Aa2’).

A Parigi, dopo un avvio in rosso Crédit Agricole è passata in positivo e registra un progresso dello 0,9%. Ribassi superiori al 3% per Bnp Paribas e Société Générale. Forte incertezza per il settore bancario a Piazza Affari. Unicredit e Mediobanca cedono rispettivamente lo 0,2% e lo 0,5%, mentre Banco Popolare e Bpm si muovono in netta controtendenza, con rialzi pari a circa il 2%.

A distendere gli animi sono arrivate le parole del presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, che ha dichiarato oggi che la Commissione europea presenterà presto delle opzioni per l’introduzione delle obbligazioni dell’area euro.