1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Bancari e tlc in evidenza, in controtendenza Italcementi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Bancari e telefonici su tutti. A spingere al rialzo l’indice dei 40 principali titoli nostrani sono stati infatti i testimonial del settore bancario e Telecom Italia (+3,02%), con quest’ultima che ha cavalcato la voglia di acquisti sui titoli del settote tlc che ha pervaso i listini europei. Tra i bancari si sono distinte Unicredit (+1,83%), Bpu (+3,10%) e Intesa (+2,18%). A sostenere la quotazione del titolo meneghino le parole del presidente della fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti, azionista di Intesa con il 9,2%. Per Guzzetti è “necessario fare ulteriori aggregazioni all’interno del sistema bancario italiano”, aggiungendo che “è ovvio che Banca Intesa debba, e possa, fare delle aggregazioni”. Tra gli altri titoli dell’S&P/Mib ha ripreso quota anche Alitalia (+2,77%). Forse la compagnia aerea riuscirà a tornare a volare sui cieli della Sardegna, infatti il presidente e amministratore delegato di Alitalia, Giancarlo Cimoli sarà giovedì all’Enac per incontrare il direttore generale Silvano Manera sulla questione dei collegamenti con la Sardegna dai quali è stata esclusa. “Domani incontrerò Cimoli per sostenere la possibilità di far rientrare dalla finestra l’Alitalia attraverso accordi commerciali”, ha annunciato lo stesso Manera. Tra i pochi titoli in negativo, spiccano gli oltre 4 punti percentuali lasciati sul terreno da Italcementi che si è accodata al cattivo umore del settore costruzioni, in deciso calo anche Impregilo e Astaldi, sul timore che il nuovo governo rinvii nel tempo la realizzazione delle grandi opere in programma.