1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Bancari, il Credem sviluppa la rete commerciale e assume 100 giovani

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le nuove assunzioni. Saranno 100 i giovani al di sotto dei 30 anni che il Credem assumerà entro fine 2015, in coerenza con la strategia di crescita della banca emiliana, realizzata anche con importanti investimenti nel potenziamento dell’organico ed in particolare dei ruoli commerciali. Tale strategia di crescita ha già portato negli ultimi tre anni all’inserimento di circa 300 giovani e 130 esperti. L’offerta di lavoro proposta dal gruppo Credem, indirizzata sia alla rete commerciale sia alla direzione centrale, è rivolta prevalentemente a Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Lazio e Sardegna, in particolare ai diplomati e laureati in discipline economiche, scientifiche e giuridiche. “Investire sulle persone è uno degli elementi fondamentali della nostra strategia di crescita”, ha dichiarato Francesco Reggiani direttore del personale Credem. “In questo modo”, ha proseguito Reggiani, “vogliamo anche dare un concreto segnale di fiducia al sistema, sostenendo l’occupazione dei giovani che saranno il motore della nazione nei prossimi anni. Offriamo un ambiente stimolante, siamo una realtà solida con una storia centenaria fatta di risultati eccellenti, di cura e attenzione al nostro lavoro. In Credem un giovane con spirito imprenditoriale e la voglia di mettersi in gioco ed imparare trova tutte le opportunità per crescere e per sviluppare la propria carriera. Il fatto che il 90% dei nostri manager sia cresciuto all’interno dell’azienda”, ha concluso Reggiani, “è la migliore dimostrazione di quanto la nostra banca punti sulla crescita delle persone”.

Selezione e formazione. L’iter di inserimento prevede una fase di pre-selezione a cui segue successivamente una giornata di colloquio di gruppo per rilevare le attitudini dei candidati, le aspettative di carriera e le motivazioni, oltre alla coerenza di tutti questi elementi con i valori e gli obiettivi aziendali. Da tali momenti di conoscenza e valutazione potrà derivare una proposta di assunzione vera e propria, oppure l’inserimento del candidato in un elenco di persone disponibili per eventuali future opportunità di inserimento. La crescita professionale all’interno delle filiali prevede, dopo un iniziale inserimento come operatore di sportello, un percorso di sviluppo in ambito commerciale come gestore clientela privati e small business, per poi eventualmente passare a funzioni di coordinamento in rete oppure all’interno di uffici di direzione centrale, fino ad arrivare a vere e proprie posizioni manageriali. Parallelamente agli ingressi in rete commerciale, i percorsi professionali per gli inserimenti in direzione centrale sono costruiti ad hoc in funzione dell’unità organizzativa d’inserimento. All’interno della banca riveste molta importanza la job rotation, infatti il 50% dei neo assunti come operatori di sportello negli ultimi quattro anni oggi riveste un ruolo diverso a livello commerciale o di funzioni centrali. Inoltre, il 20% dei direttori di filiale ha meno di 35 anni e l’età media per questo ruolo è 44 anni. Gli investimenti nella formazione delle persone sono un caposaldo della strategia di crescita e sviluppo della banca. Nel dettaglio, la formazione è fornita a tutto il personale attraverso una scuola di formazione interna che nel solo 2013 ha erogato 200 mila ore di formazione complessive.