1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Banca d’Italia: le sofferenze rallentano a maggio, in calo i prestiti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il tasso di crescita delle sofferenze dà segni di rallentamento. Secondo quanto emerso dai dati diffusi da Banca d’Italia, a maggio il tasso di crescita sui dodici mesi delle sofferenze (senza correzione per le cartolarizzazioni ma tenendo conto delle discontinuità statistiche) è risultato pari al 21,7% rispetto al 22,3% di aprile. In flessione i prestiti bancari che a maggio hanno registrato un calo del 3,2% (ad aprile era del 3,1%). Nel dettaglio, i prestiti alle famiglie sono scesi dell’1% sui dodici mesi, come ad aprile; quelli alle società non finanziarie sono diminuiti, sempre su base annua, del 4,7% (-4,4% ad aprile). Per quanto riguarda la raccolta, il tasso di crescita dei depositi del settore privato è stato pari al 2,7% (1,4% ad aprile). La raccolta obbligazionaria, includendo le obbligazioni detenute dal sistema bancario, è diminuita del 10,8% sui dodici mesi (-9,6% ad aprile).