Banca d'Italia: Fazio, "Potrei lasciare dopo la riforma, se cambieranno gli azionisti"

Inviato da Redazione il Ven, 09/09/2005 - 09:09
Antonio Fazio non va a Manchester, ma non si dimette. Il Governo vuole indurlo a lasciare presentando in Parlamento una risoluzione bipartisan nella quale gli si chiede un gesto di responsabilità per salvaguardare la credibilità del Paese e lo si ringrazia per il lavoro svolto. Berlusconi vuole discuterne già oggi al Consiglio dei ministri: uan bozza è pronta. Si chiude così l'ennesima tormentata giornata sul caso Banca d'Italia. Ore e ore di negoziati dietro le quinte per individuare una soluzione politica definitiva, capace di non creare strappi. Anche se Fazio non è ancora convinto che lascerà. "Se io me ne vado sotto questa pressione e con i cannoni puntati contro di me creo un precedente. Tutti a quel punto potranno alzarsi un giorno e chiedere le dimissioni del Governatore. E' una cosa inaccettabile", è stato il ragionamento di chi lo ha sentito ieri. E quando gli hanno riferito le voci sulle sue dimissioni, è quasi caduto dal cielo: "Dimissioni? Non so niente delle dimissioni del ministro dell'Economia...". Eppure nelle ultime ore una piccola breccia nel suo "non possumus" si è aperta. "Potrei dimettermi dopo la riforma, soprattutto se cambiano gli azionisti". Anche perché la presenza delle banche private nella proprietà di Palazzo Koch viene considerata un elemento di indipendenza dal governo.
COMMENTA LA NOTIZIA