Balzo dell’import cinese spinge aussie e kiwi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Massimi da gennaio per il dollaro australiano che consolida sopra quota 1,05 rispetto al dollaro Usa a seguito dai riscontri superiori alle attese arrivati dall’import cinese. Il cosiddetto aussie è salito fino a un massimi a 1,0523, livello più alto dallo scorso 24 gennaio.

In buon progresso anche il dollaro neozelandese che ha approcciato quota 0,855 rispetto al dollaro Usa (massimi dal settembre 2011). Da inizio anno il kiwi presenta un saldo positivo di oltre il 5%.

A marzo la bilancia commerciale cinese ha evidenziato a sorpresa un deficit pari a 880 milioni di dollari dal surplus di 15,3 miliardi registrati a febbraio. Spicca soprattutto il balzo delle importazioni che sono salite del 15% contro il +6% stimato dagli analisti e il mercato lo ha subito letto come un importante supporto all’export australiano che è dipendente principalmente dalla domanda proveniente da Pechino. Inferiori alle attese sono state invece le esportazioni cinesi, cresciute a marzo al ritmo del 10% su base annua, meno delle attese del 12% e nettamente sotto il +22% evidenziato a febbraio.

Commenti dei Lettori
News Correlate

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi è povera di indicazioni. L’unico dato di rilievo in uscita oggi riguarda le scorte settimanali di greggio negli Stati Uniti. In uscita anche le vendite al dettaglio in Canada. Nel dettaglio:
16:00 USA Scorte greggio e derivat…

Giappone: fiducia Pmi in calo più del previsto ad aprile

In Giappone la fiducia delle piccole e medie imprese ha mostrato un calo maggiore del previsto attestandosi ad aprile a 48,6 punti dai 50,5 punti del mese precedente. Gli analisti si aspettavano una fiducia in discesa a 49,4 punti….

Australia: inflazione salita al 2,1% annuo nel I trimestre

In Australia l’inflazione si è attestata nel primo trimestre al 2,1% annuo, in deciso rialzo rispetto all’1,5% precedente ma leggermente sotto le attese degli analisti pari al 2,2%. Rispetto al trimestre precedente l’indice dei prezzi al consumo ha m…