1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Azioni risparmio: cedole succose a Piazza Affari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Rendono ancora bene le azioni di risparmio emesse dalle principali società quotate a Piazza Affari. Anomalia tutta italiana quella delle azioni di risparmio (all’estero, infatti, non esistono azioni le cui condizioni minime di rendimento delle cedole siano garantite dal codice civile o dalla legge), nate con l’obiettivo di garantire privilegi di natura patrimoniale per l’azionista che le deteneva ma non consentendogli alcuna voce in capitolo, leggi diritto di voto, all’Assemblea degli azionisti. Con tassi di interessi storicamente su livelli molto bassi e una uniformazione europea che andrà facendosi sempre maggiore, le azioni di risparmio sembra possano essere destinate ad essere ritirate dal mercato nei prossimi anni. Le uniche azioni rimaste sul Mib30 con una capitalizzazione significativa sono le Telecom (10,8 miliardi di euro di capitalizzazione) e le Banca Intesa (2 miliardi di euro di capitalizzazione); Pirelli & C., nella versione risparmio, capitalizza solo 100 milioni di euro mentre Ras e Unicredit ammontano a soli 20 3 90 milioni di euro. Ma se la scommessa su un possibile progressivo ritiro delle categoria delle azioni risparmio è un’osservazione che trova concordi molti ma non tutti gli analisti, rimane un dato di fatto che i rendimenti offerti quest’ano dalle cedole di questi titoli rimangono interessanti. A partire dalle Tim, che regalano un rendimento del 5,86% o Pirelli & C che offrono uno yield del 5,43%. Buona anche la cedola offerta da Ras (4,04%), mentre Saipem e Bnl offrono rendimenti, rispettivamente, del 2,08% e del 2,42%. Discorso a parte va fatto per le Banca Intesa Risparmio che offrono un dividendo misto, già sperimentato lo scorso anno, fra cash (0,06 euro per azione) e azioni (2 nuove azioni ordinarie “regalate” ogni 41 azioni risparmio possedute che corrisponde, ai valori attuali delle azioni ordinarie, altri 0,14 euro per ogni azione risparmio posseduta): il complesso della cedola corrisponde dunque ad un lusinghiero rendimento dell’8,97%.