1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Azionario: Pictet resta sottopesato a causa delle incertezze del quadro macro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gli indici azionari principali hanno toccato nuovi minimi il 17 marzo per poi recuperare tutto nella seconda parte del mese. L’MSCI World il guadagna l’8% da allora in
termini total return in valuta locale con mercati emergenti sostanzialmente in linea. La volatilità implicita degli indici, dopo picchi sopra il 35% è rientrata tra 20% e 25%, storicamente elevata, ma sui minimi relativi di quest’anno. “I mercati si troverebbero sui valori medi dell’EYR se gli utili previsti avessero crescita negativa
rispetto al 2007 pari a -15% per S&P e -7% per Eurostoxx, ma nelle ultime settimane sono stati rivisti al ribasso i dati relativi al quarto trimestre 2007″, commentano gli esperti di Pictet. In definitiva secondo loro “il mercato sembra un pò meno pessimista rispetto al mese scorso, ma non quanto i tassi di crescita impliciti di cui sopra inducono a credere”. In particolare il broker calcola che “Il sentiero previsto dal mercato per gli utili S&P/ 500 si avvicina a quello del 2001, durante l’ultima recessione Usa, scenario incorporato dal mercato con elevata probabilità”. Dal punto di vista valutativo secondo gli esperti di Pictet le azioni mantengono maggiore appeal delle obbligazioni di Stato, specialmente in USA, salvo nello scenario di depressione. Dato che la prudenza non è mai troppa “Restiamo però sottopesati in considerazione dei rischi derivanti dalle incertezze del quadro descritto che non sembrano destinate a sciogliersi nell’immediato futuro”.