1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Azimut, un potenziale long contrarian e coraggioso

QUOTAZIONI Azimut
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le vendite intraprese dai top di periodo registrati lo scorso 14 novembre a 6,64 euro hanno causato in 8 sedute una flessione di oltre 20 punti percentuali nei valori borsistici di Azimut. Nonostante l’evidente impostazione tecnica negativa dei listini azionari globali, il gruppo attivo nell’asset management potrebbe tuttavia tentare nel breve la via del ribasso. Le quotazioni sono giunte in prossimità di una fase di congestione che ne aveva contraddistinto l’andamento a Piazza Affari a cavallo tra il 29 settembre e il 9 novembre scorso. Solo in occasione delle sedute del 27/28 e 31 ottobre si era assistito a un tentativo di allungo, poi avvenuto a metà mese in scia alla pubblicazione dei risultati trimestrali. A favorire la costruzione di una strategia long di breve/medio termine, strategia inevitabilmente rischiosa dato il clima pesante che aleggia sui mercati, è la constatazione che ormai le azioni scambiano in prossimità dei supporti dinamici offerti dalle medie mobili a 55 e 100 periodi transitanti sul grafico daily rispettivamente a 5,2756 e 5,2565 euro e nell’intorno dei supporti statici compresi tra i 5,245 e i 5,38 euro. Oltre a tale considerazione va ricordato come a 5,14 euro ora vi sia il passaggio dei supporti dinamici espressi dalla trendline ascendente ottenuta con i minimi del 12 e 22 settembre. Le considerazioni sviluppate nel corso dell’analisi permettono quindi di ipotizzare ingressi in acquisto a 5,28 euro. Con stop che scatterebbe al cedimento dei 4,90 euro, il primo target è individuato a 5,86 euro mentre il secondo è a 6,35 euro.