Axa, il rialzo è tutt’altro che assicurato

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sembra arrivato al capolinea il rimbalzo di Axa. Le azioni del gruppo transalpino hanno infatti visto le proprie quotazioni passare dai minimi dello scorso 30 novembre a 10,88 euro ai 13,015 del 13 dicembre. I giorni seguenti sono stati all’insegna della contrazione di volatilità: gli investitori sembra stiano riflettendo se violare le più immediate resistenze e spingersi quantomeno a completare il pull back della trendline inferiore del triangolo violato al ribasso nel corso della seduta del 17 novembre oppure intraprendere già dagli attuali valori la via del down trend. Negli ultimi mesi, in particolar modo da inizio agosto, le azioni hanno disegnato un triangolo avente come trendline superiore quella ottenuta con i massimi decrescenti del 4 agosto e del 9 novembre e come trend inferiore quella disegnata con i minimi del 31 agosto e del 5 ottobre. La violazione ribassista del triangolo ha dunque implicazioni negative per il trend di medio termine e in quest’ottica la tenuta delle resistenze statiche di 13,05 euro sembrano confermare tale impostazione. Le ultime sedute hanno visto in aggiunta il titolo non oltrepassare mai le resistenze mobili rappresentate dalla media mobile a 55 sedute sul grafico daily. In base alle indicazioni ricavate dall’analisi è dunque possibile implementare una strategia ribassista andando short a 12,73 euro. Con stop posizionato a 13,10 euro, il primo target è a 12 euro mentre il secondo a 11,60. Tuttavia per i più pazienti è possibile la chiusura dell’operatività in prossimità della soglia psicologica dei 10 euro: l’estensione dell’ampiezza del triangolo citato in precedenza porterebbe infatti le quotazioni a 9,87 euro.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RATING

Germania: S&P’s conferma la tripla A, l’outlook è stabile

S&P Global Ratings ha annunciato di aver confermato la valutazione “AAA/A-1+” assegnata alla Repubblica federale tedesca. “L’outlook stabile riflette la convinzione che nei prossimi due anni i conti pubblici tedeschi e il forte avanzo esterno continu…

NPL

Carige: via libera a cessione portafoglio NPL di 950 milioni a veicolo

In linea con le iniziative strategiche contenute nell’aggiornamento del Piano 2016 – 2020 approvato lo scorso 28 febbraio, oggi il Cda di Carige ha approvato la cessione, da concludere “in tempi brevi e comunque entro il 30/6/2017”, di un portafoglio…

RICAVI PRELIMINARI

Luxottica: +5,2% per il fatturato del primo trimestre, outlook confermato

Grazie al forte contributo di Europa e America Latina, all’andamento favorevole dei cambi e all’ottima performance del marchio Ray-Ban, il primo trimestre di Luxottica si è chiuso con una crescita del fatturato del 5,2% a 2.384 milioni di euro (+1,9%…

MERCATI

Borse europee caute, indicazioni deludenti dal Pil a stelle e strisce

Chiusura di settimana all’insegna della debolezza per le borse europee. A Londra il Ftse100 ha terminato a 7.203,94 punti, lo 0,46% in meno rispetto al dato precedente, il Dax si è fermato a 12.438,01 (-0,05%) e il Cac40 a 5.267,33 (-0,08%). Sopra la…