Avastin: Ministero della Salute chiede maxirisarcimento da 1,2 miliardi a Roche e Novartis

Inviato da Luca Fiore il Mer, 28/05/2014 - 20:31

1,2 miliardi di euro. È questa la cifra che il Ministero della Salute, dopo i pronunciamenti dell'Autorità garante della Concorrenza e del mercato, ha chiesto di risarcimento a Roche e Novartis (in particolare alle società F.Hoffmann-La Roche, Roche, Novartis e Novartis Farma) a causa del cartello per la commercializzazione di un farmaco contro la maculopatia. L'istruttoria dell'Antitrust ha fatto emergere un patto segreto tra le due multinazionali svizzere per favorire la vendita del Lucentis a scapito del più economico Avastin (900 contro 81 euro).

Alla luce della delibera dell'Antitrust, secondo cui le due società hanno posto in essere "un'intesa orizzontale restrittiva della concorrenza finalizzata alla commercializzazione del farmaco Lucentis molto più costoso del farmaco Avastin, ad esso equivalente", il Ministero ha richiesto il risarcimento di tutti i danni patrimoniali (quantificati in circa 45 milioni nel 2012, 540 nel 2013 e 615 nel 2014) e non patrimoniali arrecati illecitamente al Servizio sanitario nazionale.

La richiesta danni si aggiunge ai 180 milioni comminati dall'Antitrust. Secondo quanto reso noto dalla Società Italiana di Oftalmologia, le due aziende hanno rinunciato a richiedere la sospensiva della multa.

Nel caso dello Xalatan, commercializzato da Pfizer, comportamenti "connotati da un palese e insistito intento anticoncorrenziale, volto a procrastinare la commercializzazione dei farmaci generici, con notevoli danni anche al servizio sanitario nazionale" hanno spinto il Ministero guidato da Beatrice Lorenzin a richiedere il risarcimento dei danni, sia patrimoniali (14 milioni euro) che non patrimoniali, subiti dal Servizio Sanitario Nazionale nei confronti delle società Pfizer Italia, Pfizer Health e Pfizer.

COMMENTA LA NOTIZIA