1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Autostrade, botta e risposta tra Ue e Italia

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Alta tensione tra Roma e Bruxelles sull’operazione Autostrade-Abertis, finita sul tavolo di McCreevy. Ad accendere lo scontro – poi rientrato in serata – tra la Ue e il governo italiano è stata una lettera dell’ufficio del commissario per il Mercato interno, firmata dal direttore generale Thierry Stoll, che avrebbe sollecitato una immediata chiarificazione circa “lo stop all’operazione italo-spagnola, deciso dai ministeri dell’Economia e delle Infrastrutture”. Una comunicazione giudicata inaccettabile da Antonio Di Pietro , che ieri ha così alzato i veli sulla missiva della Commissione. “Daremo tutte le spiegazioni possibili”, ha annunciato il ministro delle Infrastrutture, aggiungendo però che la richiesta di Bruxelles “è al di sopra delle righe”. Prima di tutto, si traccia una “ricostruzione impropria dei fatti: non abbiamo mai negato alcuna fusione tra le due società. Abbiamo solo chiesto garanzie precise sull’uso della concessione, che non è del gruppo Autostrade”. Le acque si sono calmate in tarda serata quando alla sfuriata di Di Pietro ha fatto seguito una precisazione chiarificatrice dell’Ue. Un portavoce del mercato interno ha precisato che la lettera al governo italiano “è stata inviata venerdì scorso e , in ogni caso, la risposta è attesa entro dieci giorni successivi il ricevimento”. E poi ha aggiunto che la Commissione europea non ha aperto una procedura formale d’inchiesta.