1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Autogrill, la nuova ottava ha favorito il completamento di un doppio minimo

QUOTAZIONI Autogrill Spa
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’inizio della scorsa settimana borsistica aveva destabilizzato le prospettive rialziste del titolo Autogrill, caduto fin dai primi scambi sotto gli strategici supporti statici posti in prossimità dei 7,1 euro e livello che allargando il range di supporto a 7,16 euro aveva sempre avuto la meglio sulla pressione esercitata dai venditori dal settembre 2011 in poi. L’inizio di questa ottava sta invece consentendo ad Autogrill di generare un primo segnale d’acquisto di breve che potrebbe di fatto anticipare l’inizio del tipico rimbalzo tecnico. A sostenere questa evenienza vi è anche il traino delle notizie uscite sulla carta stampata nel week end, con l’ipotesi di spin-off delle attività legate al duty free che è così ritornata in auge. Da un punto di vista prettamente grafico, il segnale d’acquisto generato oggi fa riferimento all’apertura delle contrattazioni sopra le resistenze statiche di breve presenti sul grafico a 30 minuti a 6,955 euro. Il rialzo ha così permesso al titolo di completare una classica figura di analisi tecnica di stampo rialzista. La figura è stata costruita a cavallo tra le sedute del 24 maggio e quella odierna. Detto che le resistenze statiche sono rappresentate dal top intraday del 25 maggio, i low della figura sono invece quelli toccati il 24 maggio a 6,67 euro e il 25 maggio a 6,74 euro. Sempre sul medesimo timeframe sono emersi altri 2 elementi dalla valenza rialzista. Grazie alla progressione maturata oggi fin dalle prime fasi di scambio, l’azione ha infatti incrociato positivamente dal basso verso l’alto le medie mobili di breve/medio e lungo termine e ha oltrepassato le resistenze dinamiche espresse dalla trendline ribassista ottenuta con i massimi decrescenti del 18 e del 22 maggio. Partendo da questi presupposti ed evidenziando la matrice speculativa di una strategia long di breve inserita all’interno di un quadro grafico deficitario nel medio periodo, chi volesse posizionarsi in acquisto potrebbe valutare l’ingresso a 6,96 euro. Con stop che scatterebbe al cedimento dei 6,65 euro, il primo target sarebbe a 7,24 euro mentre il secondo a 7,36 euro.