Auto Usa: Chrysler, raggiunto accordo preliminare su contratto lavoro con sindacato

Inviato da Daniela La Cava il Mer, 12/10/2011 - 14:23

Accordo preliminare tra Chrysler, società statunitense controllata da Fiat, e United Auto Workers (Uaw, il sindacato che rappresenta i lavoratori del settore automobilistico negli Stati Uniti) per il contratto di lavoro. La bozza sul nuovo contratto di lavoro copre circa 26 mila dipendenti rappresentati dal sindacato. "Al momento, non è possibile esaminare i dettagli dell'accordo in attesa del voto di ratifica" che è "un processo interno allo Uaw", si legge in una nota stampa diffusa dal gruppo di Auburn Hills. Stando alle indiscrezioni stampa che circolano in queste ore, l'accordo prevede investimenti pari a circa 4,5 miliardi di dollari e 2.100 posti di lavoro entro il 2015.

Chrysler è l'ultima tra le big di Detroit a raggiungere l'intesa con i sindacati
Chrysler è l'ultima dei colossi dell'auto di Detroit ad aver raggiunto l'accordo con i sindacati. L'hanno preceduta nell'ordine General Motors e Ford. Lo scorso 4 ottobre Ford, l'unica delle tre big dell'auto americane a non essere finita in amministrazione controllata,  ha annunciato di avere raggiunto un primo accordo sul nuovo contratto quadriennale con Uaw. L'intesa prevede la creazione di 12 mila nuovi posti di lavoro al 2015. L'accordo include anche investimenti per 16 miliardi di dollari negli Usa destinati alla progettazione e produzione di componenti e veicoli nuovi o da ammodernare entro il 2015. A metà settembre General Motors è stata invece la prima delle tre società produttrici di auto Usa a strappare un accordo con l'Uaw. 

e in Italia?

A partire dal primo gennaio Fiat Spa e Fiat industrial lasceranno Confindustria. La notizia è stata ufficializzata a inizio ottobre dal numero uno del Lingotto, Sergio Marchionne, che ha inviato una lettera alla presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia.  Per quanto riguarda i futuri rapporti con dipendenti e sindacati, Marchionne ha assicurato che verranno gestiti senza toccare alcun diritto dei lavoratori, "come previsto dalle intese già raggiunte per Pomigliano, Mirafiori e Grugliasco".

Intanto a Piazza Affari i titoli della galassia Agnelli si mettono in mostra. Sul Ftse Mib l'azione Fiat spa sale di quasi il 6% a 4,82 euro, mentre Fiat Industrial registra un +4,36% a 5,99 euro. Positiva anche Exor che guadagna il 4,2%, scambiando a 16,18 euro.

COMMENTA LA NOTIZIA