1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Auto: Toyota, riviste al rialzo stime per l’esercizio 2012/2013

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Toyota Motor,  tornata al primo posto nel mondo come costruttore di auto,  ha annunciato questa mattina di avere ritoccato verso l’alto le previsioni per l’esercizio fiscale 2012/2013 grazie al deprezzamento dello yen e alle solide vendite Oltreoceano. Nel dettaglio per l’esercizio fiscale 2013 la casa automobilistica nipponica si attende un utile netto di 860 miliardi di yen (pari a circa 6,9 miliardi di euro), in deciso rialzo rispetto ai 780 miliardi di yen indicati in precedenza. Ma non solo, Toyota ha rivisto all’insù anche le stime sull’utile operativo atteso a 1.150 miliardi di yen. Quanto al fatturato la società stima per l’intero esercizio una cifra pari a 21.800 miliardi di yen. “Abbiamo rivisto le nostre stime – spiega la società in una nota – in scia all’aumento delle vendite all’estero, in particolare in Nord America, al miglioramento della redditività e al leggero indebolimento dello yen”. E aggiunge: “Crediamo che i nostri sforzi abbiamo portato i frutti sperati e siamo finalmente sulla strada giusta per una crescita sostenibile”. 
Toyota ha inoltre alzato il velo sui conti del trimestre chiuso a fine dicembre. Nel periodo in esame il big dell’auto nipponico ha visto i profitti attestarsi a 99,9 miliardi di yen contro i 143 miliardi indicati dagli analisti di Bloomberg. I profitti operativi sono scesi a 124,8 miliardi,mancando in questo caso le indicazioni del mercato pari a 196 miliardi.

Toyota: torna numero 1 al mondo con 9,75 milioni di auto vendute
La notizia era nell’aria da tempo, ma l’ufficialità è arrivata solo a fine gennaio: Toyota è tornata a salire sul tetto più alto del mondo. Il colosso automobilistico giapponese nel 2012 ha venduto 9,75 milioni di auto, livello record che ha permesso il sorpasso su General Motors e Volkswagen. Si tratta di un incremento delle immatricolazioni del 22,6% rispetto all’esercizio precedente: in Giappone le vendite sono aumentate del 35,2% a 2,41 milioni, mentre sui mercati esteri la crescita si è attestata al 19% a 7,34 milioni di unità. Secondo posto per gli americani di General Motors che hanno venduto 9,28 milioni di auto vendute, mentre la tedesca Volkswagen ha preso la medaglia di bronzo grazie a 9,07 milioni di auto immatricolate.