1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Rating ›› 

Auto: Fitch conferma rating su Fiat e Renault, downgrade per Psa

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Fitch punta i riflettori sul comparto auto europeo. Poco fa l’Agenzia ha annunciato di aver confermato il rating di Fiat e Renault mentre quello su Psa è stato tagliato di un notch. Per quanto riguarda il Lingotto, “la conferma del giudizio -si legge nella nota dell’agenzia di rating- rispecchia l’aspettativa che Fiat riuscirà a gestire l’erosione di liquidità nei prossimi due anni, visto che le solide performance in Brasile e nelle altre divisioni del gruppo mitigheranno la dispersione di liquidità in Europa”.

Il giudizio di lungo e di breve termine della casa italiana è stato ribadito a “BB” e a “B” mentre l’outlook è negativo “alla luce dell’andamento di ricavi e margini commerciali”.

“Fitch ritiene che il mercato dell’auto europeo si confermerà in difficoltà almeno fino al 2013 inoltrato”, prosegue la nota. “Nell’anno corrente l’agenzia stima un calo delle vendite di auto nuove del 7% e ritiene altamente probabile un’ulteriore contrazione delle vendite di Fiat nei maggiori mercati”. “Fitch taglierà il giudizio se ricavi, redditività e flusso di cassa scenderanno più del previsto”.

Giudizio invariato su Renault, tagliato il rating di Psa
Giudizio confermato a “BB+” sulla francese Renault mentre quello su Psa è stato tagliato da “BB” a “BB-“. Nel primo caso l’outlook è stabile, “alla luce dei fondamentali creditizi modesti ma allo stesso tempo solidi“. “Sebbene le difficoltà del settore rendano un innalzamento del rating di Renault difficile nel breve termine, Fitch ritiene che il merito di credito del gruppo disponga di un margine sufficiente per affrontare il calo delle vendite in Europa”.

“Nonostante i tentativi di diversificazione, le vendite di Renault restano concentrate in Europa e in prevalenza nei mercati più deboli come Spagna, Italia e Francia, dove la crisi del debito ha impattato in modo particolarmente forte le vendite di nuove auto“.

Il giudizio su Psa risente invece del posizionamento nei segmenti medio-bassi “dove l’agenzia stima che la forte competizione spingerà i prezzi al ribasso”. Le prospettive negative sul giudizio di Psa sono attribuibili al fatto che la società “corre il rischio di restare seriamente esposta a un ulteriore deterioramento del contesto generale“.