Aussie tonico dopo conferma tassi Rba, massimi dal 2011 per il kiwi

Inviato da Titta Ferraro il Mar, 06/05/2014 - 16:17
Reazione positiva del dollaro australiano alla conferma dei tassi da parte della banca centrale australiana. La Reserve Bank of Australia nella notte ha mantenuto invariati i tassi di riferimento del Paese al 2,5%. La decisione è allineata alle previsioni degli analisti. Il mercato ha apprezzato in particolare i commenti della Rba in relazione al rafforzamento del mercato del lavoro che di fatto avvicinano la possibilità di un primo rialzo dei tassi che secondo il consensus Bloomberg arriverà a inizio del prossimo anno.
A marzo il tasso di disoccupazione era sceso a sorpresa al 5,8% dopo il 6,1% toccato a febbraio che rappresenta i massimi da oltre 10 anni.
Nei prossimi giorni sono attesi importanti riscontri circa l'andamento della congiuntura australiana a partire dalle vendite al dettaglio di domani insieme al PMI dei Servizi della Cina. "Giovedì vi saranno le release fondamentali della variazione del livello di occupazione e del tasso di disoccupazione che potranno verosimilmente fornire un'idea precisa della direzionalità che il cambio andrà ad intraprendere - rimarca oggi Davide Marone, analista di DailyFX - data l'impostazione tecnica di fondo che appare di connotazione rialzista ma con una difficoltà oggettiva della price action a superare la resistenza statica a 0,93".

Il cross Aud/Us$ si è spinto oggi fino a 0,9358 sui massimi delle ultime due settimane. Massimi dall'agosto 2011 invece per il dollaro neozelandese anch'esso in attesa dei nuovi dati sul mercato del lavoro. Il tasso di disoccupazione in Nuova Zelanda è atteso in discesa nel periodo gennaio-marzo 2014 al 5,8 per cento, il livello più basso dal primo trimestre del 2009.
COMMENTA LA NOTIZIA