Aussie ben comprato dopo Rba

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sembra allontanarsi la possibilità di nuovi tagli del costo del denaro in Australia e la valuta locale ne beneficia dando seguito al rally di settembre. L’aussie, nome con cui viene comunemente identificato il dollaro australiano, si è spinto oltre quota 0,94 rispetto al dollaro Usa. Lo scorso mese l’aussie ha messo a segno un balzo del 4,7%, miglior saldo mensile del giugno 2012.

Oggi la Reserve Bank of Australia ha lasciato invariati i propri tassi di interesse confermandoli al 2,5%. La decisione è allineata alle previsioni degli analisti. L’istituto centrale di Canberra ha rimarcato nella nota di accompagnamento all’annuncio sui tassi che un dollaro australiano più debole rispetto ad aprile aiuta a riequilibrare la crescita dell’economia. Commento che si discosta da quanto detto un mese fa quando la Rba sottolineava che il tasso di cambio può “deprezzarsi ulteriormente nel tempo”.

Il concretizzarsi dello shutdown negli Stati Uniti, ossia lo stop a tutti i servizi governativi definiti “non essenziali”, ha acuito la debolezza del dollaro statunitense sul mercato valutario. In particolare gli investitori hanno continuato a dirigersi verso le valute rifugio con il franco svizzero che ha rivisto i massimi a 19 mesi sul biglietto verde. Il cross dollaro/chf questa mattina è sceso fino a un minimo sotto la soglia di 0,90 (0,8993) per la prima volta dal febbraio 2012.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RATING

Germania: S&P’s conferma la tripla A, l’outlook è stabile

S&P Global Ratings ha annunciato di aver confermato la valutazione “AAA/A-1+” assegnata alla Repubblica federale tedesca. “L’outlook stabile riflette la convinzione che nei prossimi due anni i conti pubblici tedeschi e il forte avanzo esterno continu…

NPL

Carige: via libera a cessione portafoglio NPL di 950 milioni a veicolo

In linea con le iniziative strategiche contenute nell’aggiornamento del Piano 2016 – 2020 approvato lo scorso 28 febbraio, oggi il Cda di Carige ha approvato la cessione, da concludere “in tempi brevi e comunque entro il 30/6/2017”, di un portafoglio…

RICAVI PRELIMINARI

Luxottica: +5,2% per il fatturato del primo trimestre, outlook confermato

Grazie al forte contributo di Europa e America Latina, all’andamento favorevole dei cambi e all’ottima performance del marchio Ray-Ban, il primo trimestre di Luxottica si è chiuso con una crescita del fatturato del 5,2% a 2.384 milioni di euro (+1,9%…

MERCATI

Borse europee caute, indicazioni deludenti dal Pil a stelle e strisce

Chiusura di settimana all’insegna della debolezza per le borse europee. A Londra il Ftse100 ha terminato a 7.203,94 punti, lo 0,46% in meno rispetto al dato precedente, il Dax si è fermato a 12.438,01 (-0,05%) e il Cac40 a 5.267,33 (-0,08%). Sopra la…