AT&T risponde a Obama: piano su regolamentazione internet minerebbe sviluppo del web

Inviato da Titta Ferraro il Mar, 11/11/2014 - 13:23
AT&T storce il naso davanti al piano sulla regolamentazione di internet che la Casa Bianca intende portare avanti. Secondo il Vice Presidente di AT&T, Jim Cicconi, quanto dichiarato dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, circa il piano della Casa Bianca volto a regolamentare internet, sarebbe "un tremendo errore che andrebbe a minare lo sviluppo e la sopravvivenza stessa di internet, nonché gli interessi nazionali". "La proposta, così come concepita - ha rimarcato l'esponente di AT&T - applicherebbe regole risalenti agli anni 30, e basate sul monopolio telefonico, a una tecnologia del ventunesimo secolo. utto ciò avrebbe quindi un impatto negativo, non solo sugli investimenti e l'innovazione, ma anche sull'economia del Paese. La regolamentazione attuale, snella e trasparente, ha invece finora incoraggiato livelli di investimento mai visti nell'industria e guidato un'incredibile innovazione".
Obama ieri è intervenuto nel dibattito sul web aperto sollecitando la US Federal Communications Commission (Fcc) a regolare la banda larga sotto le "regole più forti possibili". Il numero uno della casa Bianca vuole tutelare la neutralità della rete mantenendo l'accesso libero, aperto e gratuito.
COMMENTA LA NOTIZIA