Atlantia, oltre le resistenze di area 12,05 euro la corsa potrebbe ripartire

Inviato da Riccardo Designori il Lun, 12/12/2011 - 13:13
Il recupero messo a segno venerdì e la partenza odierna a Piazza Affari dei titoli Atlantia hanno riportato le azioni della società controllata dalla famiglia Benetton in prossimità di un delicato e strategico livello resistenziale, quello presente nel range tra i 12,04 e i 12,16 euro. La soglia menzionata trae la sua origine dai minimi registrati il 23 e 24 giugno 2009 e già a metà luglio e inizio agosto di quest'anno aveva contribuito ad arginare le pressioni ribassiste dei venditori, senza tuttavia riuscirvi. Il livello fu rotto il 4 agosto e da allora il vecchio livello di supporto statico si è inevitabilmente trasformato in soglia resistenziale. A riprova dell'importanza strategica di questo livello si hanno la lunga serie di massimi intraday registrati a cavallo tra il 12 e il 28 ottobre e più recentemente tra il 5 e il 7 dicembre: in nessuna occasione il titolo è stato in grado di chiudere sopra le resistenze. Il quadro tecnico appare tuttavia in miglioramento: se infatti le medie mobili sono state incrociate dal basso verso l'alto il 30 novembre e hanno fornito l'8 e il 9 dicembre il loro contributo di supporto dinamico, l'elemento tecnico più promettente in un'ottica rialzista è dato dalla duplice accelerazione oltre le resistenze dinamiche espresse dalla trendline discendente di breve tracciata con i top del 28 ottobre e del 17 novembre e da quella di lungo periodo ottenuta con i massimi decrescenti dell'1 e del 30 giugno. La prima è stata violata al rialzo lo scorso 29 novembre e la seconda il 30 novembre. Partendo da questi presupposti, chi volesse anticipare la violazione delle resistenze statiche di area 12 euro più volte menzionate nel corso dell'analisi si potrebbe ipotizzare un ingresso in acquisto sulla debolezza a 11,57 euro. Con stop che scatterebbe sotto gli 11,36 euro, il primo target è a 13,10 euro mentre il secondo è a 14,80 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA