1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Uncategorized ›› 

Atlantia non molla la presa su Abertis, per analisti offerta a 19,5 euro creerebbe ancora valore

L’ad di Atlantia conferma l’intenzione di valutare una revisione al rialzo dell’offerta. Gli analisti vedono spazio per un rilancio in area 19,5 euro. Abertis plaude a progetto industriale, ma vuole …

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La disputa per Abertis si profila ancora lunga e probabilmente sconfinerà nel 2018 visto che la Consob spagnola ora dovrà esaminare l’offerta di Hochtief e ha fino a tre mesi di tempo per farlo. Nel frattempo Atlantia si esprimerà sulla possibilità di rilanciare o meno dopo l’affondo di Acs, attraverso la controllata Hochtief, che ha in parte sorpreso per l’entità del rilancio, con una valutazione di Abertis ben 2,3 miliardi superiore a quella derivante dall’offerta del gruppo italiano.

 

Atlantia valuta modifiche all’offerta

Il mercato ora attende Atlantia al vaglio per un possibile rilancio per evitare che anche questa volta sfumi all’affaire Abertis (già 11 anni fa era saltato per motivi politici). “Restiamo fortemente convinti della validità economica ed industriale della nostra offerta per tutti gli azionisti di Atlantia e di Abertis e ci riserviamo di valutare, nei tempi e con le modalità previste dalla legge, ogni ipotesi di modifica o decisione relativa alla nostra offerta”, ha detto l’a.d. di Atlantia, Giovanni Castellucci.

 

Abertis plaude a progetto industriale di Atlantia, ma serve prezzo più alto

Questa mattina il Consiglio di Amministrazione di Abertis ha valutato l’offerta avanzata da Atlantia come “positiva e attraente dal punto di vista industriale”, ma ritiene che il prezzo offerto in contanti ha un margine di miglioramento.

L’Opas di Atlantia su Abertis, partita il 10 ottobre, valuta il gruppo spagnolo 16,3 mld (16,5 euro per azione), mentre la controfferta di Acs arriva a una valutazione di 18,6 miliardi.

 

Analisti vedono spazio per rilancio

“Atlantia può contrastare l’offerta di Hochtief e migliorarla aumentando il prezzo di offerta in contanti – sottolineano gli analisti di Banca Akros – Da un punto di vista di governance crediamo che l’offerta di Atlantia è più attraente: Abertis rimarrebbe quotata e l’attività di Atlantia è decisamente più coerente con Abertis mentre Hochtief è azienda del settore costruzioni”. Secondo Banca Akros l’offerta originale di Atlantia implicava l’accrescimento dell’Eps intorno 25/30% e quindi c’è spazio per aumentare il prezzo e generare valore; ipotizzando un’offerta 50% carta e 50% contanti a 19,5 euro si creerebbe ancora valore per gli azionisti di Atlantia.

Banca IMI sottolinea invece come l’offerta di Hochtief presenta diverse criticità: un elevato indebitamento (rapporto debito/ebitda a 6,3 volte, scarsa visibilità delle sinergie, l’aumento di capitale per Hochtief (3,6 mld) abbinato ad alcuni dubbi sulla capacità dell’azienda di rifinanziare il prestito ponte al 2% concesso da JP Morgan (14,9 miliardi). “Aspettando la prossima mossa di Atlantia, ci aspettiamo qualche debolezza dell’azione nelle prossime settimane”, aggiunge Banca IMI.