Atlantia, il break out di quota 13 euro consente nuovi allunghi

Inviato da stefano alberti il Lun, 05/03/2012 - 11:55
Nonostante la flessione odierna di circa 1 punto percentuale a 12,74 euro, Atlantia mantiene un'impostazione grafica rialzista. Nella fattispecie le quotazioni del titolo beneficiano dei supporti dinamici offerti dalla trendline di breve periodo tracciata con i minimi del 20 e del 30 gennaio e risultano essere in pressione crescente sull'area di resistenza posta a 12,95 euro. Il livello in questione assume notevole importanza se si considera la frequenza con cui è stato testato a partire da inizio anno fino ad oggi, con le quotazioni che hanno chiuso la scorsa ottava facendo registrare un massimo proprio a 12,95 euro. Già in occasione del 22 febbraio, i prezzi avevano tentato l'allungo oltre i 13 euro, toccando un massimo intraday a 13,06, ma chiudendo la seduta al di sotto della soglia resistenziale già menzionata. Indicazioni positive che facevano propendere per una visione rialzista erano inoltre già sorte prima con la violazione al rialzo delle resistenze dinamiche individuabili unendo i massimi del 2 con quelli del 30 giugno dell'anno passato e successivamente con la rottura delle resistenze statiche di area 12,10 effettuata il 22 dicembre. Un'eventuale breakup di quota 13 euro potrebbe ora aprire a nuovi spazi di crescita e dare alle quotazioni del titolo la spinta necessaria per raggiungere i massimi di luglio dell'anno scorso a 13,73 euro. Chi volesse seguire tali indicazioni può posizionarsi in acquisto a 12,55 euro. Con stop che scatterebbe sotto i 12,15 euro, un primo target è individuabile in area 13,70 euro e un secondo a 14,65 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA