Atel: disco verde da CFB a fusione con Motor Columbus

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Colpo di scena nella fusione Atel e Motor Columbus. La Commissione Federale delle Banche ha infatti disposto che l’offerta di conversione di azioni Atel con azioni Motor-Columbus modificata lo scorso primo giugno e prolungata fino al 16 giugno concorda con la legge sulle borse. Di conseguenza, l’offerta obbligatoria di conversione verrà pubblicata ed elaborata come previsto. Gli obiettivi e la tempistica dell’intera transazione, ossia la creazione attraverso la fusione di Atel ed EOS della maggiore azienda elettrica svizzera attiva su scala europea, rimangono invariati. La decisione è stata presa in seguito all’intervento di un azionista di minoranza di Atel. La CFB appoggia la valutazione del 12 giugno scorso della commissione delle offerte pubbliche. Tale commissione aveva ritenuto che l’offerta adeguata era conforme alla legge sulle borse e alla decisione della CFB del 3 maggio scorso. L’adeguamento
comprendeva principalmente il rinvio di 6 mesi della decisione sulla forma della ristrutturazione di Atel e della casa madre Motor-Columbus. L’offerta di conversione menzionata e la ristrutturazione di Atel e Motor-Columbus rappresentano singole tappe nell’ambito dell’intera transazione che mira segnatamente a raggruppare Atel nonché le attività operative e gli attivi di EOS in una nuova struttura holding. Electricité de France intende inoltre all’occorrenza integrare le proprie attività svizzere nella nuova società.