Asta Bot: l'Italia non bissa il successo della Spagna sul brevissimo

Inviato da Riccardo Designori il Mer, 28/08/2013 - 11:56
Il Tesoro italiano ha emesso questa mattina 8,5 miliardi di euro di titoli a 6 mesi al tasso dello 0,88%, in lieve rialzo rispetto all'asta di un mese fa (0,80%). La domanda è rimasta inalterata, con un bid-to-cover pari a 1,47.

Abbiamo assistito a un'asta molto simile a quella di ieri, con rendimenti in lieve rialzo a fronte di una domanda stabile. In termini assoluti l'asta non è andata male. Se paragoniamo però l'emissione odierna con quella spagnola di ieri, in realtà notiamo come le recenti tensioni politiche interne abbiano frenato il miglioramento che ha caratterizzato invece i titoli governativi dell'area periferica dell'eurozona.

Su questo fronte l'appuntamento chiave sarà il Cdm di questo pomeriggio che si troverà a discutere sul tema IMU. Le divergenze tra la coalizione di maggioranza sembrano essersi appianate nel corso delle ultime ore, ma non si può dar nulla per scontato.

Domani ci sarà il test chiave sul comparto 5-10 anni, dove l'osservato speciale sarà il rapporto di copertura. Gli investitori esteri potrebbero essere "spaventati" dall'instabilità politica italiana e potrebbero ritenere la domanda. Bisogna considerare inoltre che il mercato nell'ultima settimana di agosto rimane particolarmente affollato e questo sicuramente non giova.

VINCENZO LONGO
Market Strategist IG


TAG:
COMMENTA LA NOTIZIA