1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Assicurazioni ›› 

Assicurazioni, in calo del 5% la raccolta vita a settembre, quarto mese consecutivo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel mese di settembre la nuova produzione di polizze vita in Italia è stata pari a 6,6 mld, in calo del 5% (per il quarto mese consecutivo) rispetto allo stesso mese del 2014. Lo rende noto l’Ania. Da inizio anno i nuovi premi vita emessi hanno comunque raggiunto i 74,1 mld, l’8% in più rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente.

I premi di ramo I afferenti a nuove polizze individuali sono stati pari a 4,8 mld (quasi i tre quarti dell’intera nuova produzione vita), registrando ancora una lieve contrazione (-0,9%) rispetto allo stesso mese del 2014, la più contenuta da inizio anno. Da gennaio i premi di ramo I sono ammontati a 48,6 mld, in diminuzione del 6,7% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente.

Di segno negativo (più che dimezzata) anche la raccolta della nuova produzione di polizze di ramo V che nel mese di settembre continua a registrare importi molto contenuti, pari a soli 85 mln (appena l’1% dell’intera nuova produzione), consolidando da inizio anno una contrazione sempre più crescente e pari al 16% rispetto all’analogo periodo del 2014, per un volume premi di 2 mld.

La restante quota della nuova produzione vita (il 25%) ha riguardato il ramo III (esclusivamente nella forma unit-linked) che nel mese di settembre, con una raccolta di nuovi premi pari a 1,6 mld, registra, per la prima volta da inizio anno, un ammontare in diminuzione del 5,4% rispetto a quello dello stesso mese del 2014. Da inizio anno il volume di nuovi affari ha raggiunto i 23,5 mld, in aumento del 65,8% rispetto all’analogo periodo del 2014.

I contributi relativi a nuove adesioni individuali a forme previdenziali, pari a 107 mln, sono risultati in aumento rispetto a settembre 2014 mentre da inizio anno registrano una crescita dell’1,8% rispetto all’anno precedente, a fronte di un ammontare pari a 763 mln.

Il numero totale delle nuove polizze/adesioni da gennaio è stato pari complessivamente a 3 mln, in aumento del 5,4% rispetto allo stesso periodo del 2014.