Assicurazioni: un codice deontologico anche per gli agenti

Inviato da Redazione il Mar, 13/11/2012 - 15:15
Prende forma il primo codice deontologico degli intermediari assicurativi per tutelare i diritti dei clienti e rendere trasparenti i rapporti di collaborazione tra intermediari. Il regolamento, proposto dallo SNA - Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione - è stato presentato nel corso di un'audizione alla X Commissione Industria del Senato, in cui il presidente Claudio Demozzi è stato chiamato a chiarire la posizione degli intermediari nel merito del DL Crescita 2.0 in tema di collaborazioni e altre novità riguardanti il settore assicurativo. "Proprio per dare un forte segnale di perfetta sintonia con quanto è stato previsto nel Decreto Legge Crescita 2.0, ci siamo preoccupati di predisporre un codice di autoregolamentazione con precise norme deontologiche nel rispetto dei diritti dei nostri clienti - dichiara Claudio Demozzi, presidente nazionale dello SNA - Si tratta di un'iniziativa che come Associazione Sindacale abbiamo avviato per rendere il nostro settore più trasparente e competitivo verso i consumatori e in linea con quel che avviene all'estero. In particolare, riteniamo che la nostra professione debba essere esercitata soprattutto fornendo consulenza ai nostri clienti e gestendo la copertura dei rischi in totale indipendenza e chiarezza di tariffe e provvigioni". E proprio per garantire gli interessi e i diritti dei consumatori è stato varato questo codice che regolamenta le collaborazioni fra intermediari. "La normativa vigente fino al 2005 prosegue Demozzi - rendeva possibile la cooperazione e l'auspicata reintroduzione prevista dal Governo siamo certi possa aiutare ad assolvere in modo completo e adeguato l'incarico ricevuto dai nostri clienti". Un processo che di fatto allinea l'Italia con il resto dell'Europa: introducendo la libera collaborazione tra tutti gli intermediari, di fatto, l'Italia apre alla concorrenza, ad un miglioramento delle condizioni dei contratti assicurativi e del servizio offerto.
COMMENTA LA NOTIZIA