Assicurativi: Nomura, nessun rischio da crisi debito. Axa la preferita, Generali da evitare

Inviato da Valeria Panigada il Lun, 26/09/2011 - 11:39
Quotazione: AXA
I titoli assicurativi europei non corrono particolari rischi derivanti dalla crisi del debito secondo Nomura, che conferma la raccomandazione sul settore a bullish. "Ci aspettiamo che per i big del comparto il net asset value (Nav) crescerà del 2% grazie al positivo effetto della detenzione di titoli governativi di quei Paesi non Giips (Grecia, Italia, Irlanda, Portogallo e Spagna), che stimiamo riuscirà a controbilanciare l'effetto negativo derivante dall'esposizione al debito sovrano dei Paesi Giips", spiegano gli analisti nella nota di oggi. Non solo. Secondo il broker giapponese, questo possibile aumento del Nav garantirà una maggiore flessibilità finanziaria di fronte alle turbolenze dei mercati e migliorerà la solvibilità. A questo, si aggiungeranno fonti di ricavo sempre più difensive (come le pensioni), che proteggeranno gli assicurativi anche in caso di recessione. Tra i nomi, Nomura suggerisce di puntare sulla francese Axa, che dopo la sottoperformance (il titolo ha perso il 44%) e in previsione di una crescita del Nav dell'8% rappresenta una interessante opportunità. "Da evitare invece quei titoli che detengono una maggiore esposizione ai Paesi Giips - avverte Nomura - In questa categoria inseriamo l'italiana Generali, su cui confermiamo la raccomandazione reduce". La casa d'affari giapponese stima che il Leone di Trieste registrerà un calo del Nav del 14%.
COMMENTA LA NOTIZIA