1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Asset allocation: prevalgono le sottoscrizioni di fondi monetari, vendite sugli azionari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel corso del terzo trimestre 2014 gli investitori internazionali hanno tirato i remi in barca puntando decisamente sugli asset meno rischiosi come i fondi monetari a scapito degli investimenti considerati ad alto rendimento. È quando emerge da un’analisi condotta dalla società EPFR Global. In particolare da giugno a settembre le sottoscrizioni di fondi monetari effettuate dai principali investitori internazionali hanno raggiunto gli 87 miliardi di dollari, di cui 66 miliardi negli Usa e 19 miliardi in Europa.

Secondo EPFR Global questi movimenti riflettono il cambiamento di umore degli investitori dall’ottimismo all’incertezza  a seguito delle continue tensioni in Medio Oriente, ai segnali di rallentamento del ciclo economico in Europa e Giappone e agli sviluppi legati agli acquisti di titoli obbligazionari da parte della Federal Reserve. Movimenti che potrebbero anticipare un ulteriore fase di volatilità dei mercati finanziari.

Nello stesso periodo i fondi azionari hanno messo a segno una raccolta netta pari a 2,2 miliardi di dollari, in forte calo rispetto ai trimestri precedenti. In particolare hanno pesato i deflussi sui fondi azionari che investono in Europa (-22,1 miliardi di dollari) annullando gran parte della raccolta effettuata sui fondi che investono nei mercati emergenti positiva per 24,7 miliardi di dollari.

L’atteggiamento di prudenza ha caratterizzato anche il mercato obbligazionario dove hanno prevalso le sottoscrizioni di fondi che investono in obbligazioni investment grade pari a 62,8 miliardi di dollari. Le vendite si sono concentrate sui fondi high yield (-38 miliardi di dollari). I deflussi hanno colpito anche sui fondi focalizzati sulle obbligazioni convertibili per 1,99 miliardi di dollari.