1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Asia: Merrill Lynch preferisce Cina e Corea, bocciate India e Taiwan

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Secondo gli esperti di Merrill Lynch sono da preferire i mercati con forte pressione sulla bilancia dei pagamenti, orientati ad una riduzione dei vincoli alle uscite di capitale: Cina meglio dell’India, Corea e Malesia da preferire a Taiwan e Thailandia. “Le banche centrali asiatiche si trovano di fronte ad un pressante dilemma”, spiegano gli esperti dell’investment bank americana, che sottolineano come “le economie dei Paesi del Sol Levante, cui fanno riferimento le banche in questione, hanno un tasso di crescita forte, ma la Fed continua a tagliare i tassi di interesse, spezzando le ali agli investimenti in ingresso nella regione asiatica”. Le turbolenze legate all’imprevedibile tragitto dei capitali innescate dalla politica della banca centrale statunitense si riflettono inoltre sulle valute asiatiche. La rupia indiana, ad esempio, privata dei sostanziosi investimenti provenienti dai fondi americani, vacilla in preda a pericolose svalutazioni. Pericolose perché rischiano di dilatare il deficit commerciale del paese di Ghandi, gettando nel caos l’economia. A scanso di equivoci: le banche centrali asiatiche restano interventiste, in cerca dell’ambizioso trio: interessi e tassi di cambio favorevoli più capitali esteri abbondanti. Cambiamenti in vista, quindi: il mercato dei cambi si apprezzerà e una strategia di moneta forte potrebbe essere la soluzione per molti asiatici. Per controllare la liquidità le banche centrali locali potrebbero ricorrere a strumenti quantitativi quali le riserve.