Ashraf Laidi (CMC): il dollar index verso il 7° incremento mensile consecutivo

Inviato da Luca Fiore il Lun, 07/06/2010 - 16:59
Ashraf Laidi, Chief Market Strategist di CMC Markets, nel suo report sul mercato valutario rileva come il dollar index, l'indicatore che misura l'andamento del biglietto verde contro un basket di 6 valute (57% euro, 14% yen, 12% sterlina, 9% dollaro canadese, 4% franco svizzero e 4% corona svedese), sembrerebbe destinato a registrare il 7° incremento mensile consecutivo, la serie maggiore nei 39 anni di vita dell'indice.

Il dato relativo gli ordini all'industria tedesca di aprile (+2,8% mensile, con il consensus orientato per un -0,4%), sottolinea Laidi, ha favorito la stabilizzazione della moneta unica, anche se la risalita dovrebbe arrestarsi in quota 1,2040 (barriera in quota 1,2140-45). L'euro è visto a 1,1870 nella seconda metà della settimana, per scendere a 1,1660 dollari a fine giugno.

Riflettori ora puntati sulla riunione della Bce di giovedì, che potrebbe decretare l'innalzamento delle aste ad ammontare illimitato da 3-6 a 6-12 mesi. La Banca centrale potrebbe inoltre decidere di incrementare da 8 a 12-16 mld di euro gli acquisti di bond dell'Eurozona. Il programma di acquisto di obbligazioni della Zona Euro è destinato a salire a 36 mld, 7 volte in meno di quanto messo in campo dalla Fed.

Per Laidi la debolezza dell'euro è dovuta al fatto che la Bce in questo momento è l'unica banca centrale che sta acquistando bond. Dall'inizio dell'anno l'euro-dollaro non è mai riuscito a mettere a segno 3 giorni consecutivi di rialzi; "la regola è vendere il rally", conclude Laidi.
COMMENTA LA NOTIZIA