1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Area euro: Ue prevede ancora recessione nel 2013, Pil +1,2% nel 2014

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ancora un anno di recessione per l’area euro. Secondo le nuove stime della Commissione europea, l’economia dell’area euro dovrebbe registrare quest’anno una contrazione dello 0,4%, mentre l’anno prossimo il Pil è atteso in rialzo dell’1,2%. “Dopo la recessione del 2012, l’economia Ue è attesa stabile nella prima parte dell’anno. Il Prodotto interno lordo dovrebbe registrare una crescita positiva gradualmente nel secondo semestre prima di vedere la ripresa nel 2014 – si legge nel rapporto di primavera di Bruxelles – Di fronte a una domanda ancora limitata da una serie di difficoltà, la domanda esterna rappresenterà la maggior spinta alla crescita quest’anno”. Le stime, precisa però lo studio, si basano sul presupposto che la continua attuazione delle politiche impedirà un rinnovato intensificarsi della crisi del debito sovrano.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Borse europee, atteso avvio sotto la parità

Le Borse europee potrebbero aprire la penultima seduta della settimana poco mosse, dopo la chiusura incerta di Wall Street. Tra i temi sul tavolo le dichiarazioni di Jerome Powell, presidente …

Dati DoE

Usa: scorte petrolio settimanali oltre le attese

In netta crescita le scorte di petrolio in Usa che segnano + 5,836 milioni di barili, arrivando a quota 411,084. Il dato supera le stime degli analisti fissate su un …

G20 Surveillance Note.

FMI, guerra commerciale: “Danni dipendono dai politici”

I danni della guerra commerciale dipendono dalle scelte dei politici. Così scrive Christine Lagarde, direttore generale del Fondo monetario internazionale, commentando la G20 Surveillance Note. “Le tensioni commerciali stanno già …

Sanzione dalla Commissione Ue

Google: confermata multa da 4,3 miliardi per Android

Alla fine le indiscrezioni sono state confermate. La Commissione Ue ha inflitto una multa record a Google, la più alta mai prevista, pari a 4,34 miliardi di euro. Motivo? Abuso …